Home » The Walking Dead » The Walking Dead, Stagione 5, Ep. 12 Welcome to the family

The Walking Dead, Stagione 5, Ep. 12 Welcome to the family

Il primo penziero che vorrei comunicare a questa allegra community inquisinosa è perchè mai non avvolgono la Bambina Testona in una di quelle fasce molto trendy che vanno anche oggi tra le mamme montessoriane in carriera. No, se la spasseggiano per miglia a piedi sempre su un braccio o sull’altro, e quando vengono attaccati se la passano tipo pallone da rugby. Ma non ha più senso che chi ha la Capocciona in quel momento indietreggi e gli altri vanno avanti a dare mazzate? e poi se hai la fascia sei molto più libero di mazzuolare a tua volta, no?

season 5

ma perchè devo dirvi tutto io zioccane, dai Rick! vabbene.

Allora, ritroviamo i  nostri cosmopoliti protagonisti che entrano nel nuovo compound di Alessandria, che deve emettere una specie di ultrasuono scacciazombie perchè non ha mai zombie attorno, e ciò non ha senso a prescindere: questi sono dentro nella loro allegra community (ognuno ci ha la sua) e cantano, corrono, sparacchiano, ma a noi sarebbe arrivata notizia in questi anni che gli zombie sono attratti dal suono, vedasi prigione dove si assemblavano sulle cancellate a sciami proprio. Ma qui niente, escono e gli sparano e poi rientrano, e zombie niente, zerella proprio.

Ma non solo, l’ultrasuono scacciazombie è pure retroattivo, perchè la Governoressa in carica spiega che il compound era nato come oasi green-vega-ecosostenibile per mega ricconi, e le case si vendevano a 800.000 sbirillioni di fantastiliardi, e aveva tante cose, ma non protezione attorno. Quindi se la sono dovuta costruire loro, cioè il marito della Governoressa è un Architetto, quindi ha tirato giù un progettino, chiamato il geometra, prenotato il notaio e steso due pali. Dopodicchè sono arrivati gli altri del compound e han tirato su i muri. E gli zombie con questi che martellavano e sacramentavano in bergamasco niente, li hanno lasciati finire, e poi quando è finito il muro hanno provato qualche attacco. Tutto ciò non ha senso. Ah ma è vero, è the Walking dead!

Vabbene.

La governoressa si presenta, e accoglie uno per uno i nostri ciccibbelli, li fa sedere sul divano del salotto buono e li filma. Perchè, tutti ci si chiede. E che ne so.

Televisivamente  è un buon mezzo di espressione, perchè mostra i nostri ciccibbelli mentre rispondono a un’estranea, e il più delle volte emerge quello che pensano realmente a noi che li sappiamo: quindi RamboCarol sorride dolcemente spiegando che è una mezza scema che faceva la casalinga e non ha mai fatto altro, tenendo da parte le acquisite doti di combattente che è bene non far subito vedere a un potenziale nemico.

Rick e Michonne sono abbastanza sinceri, un po’ perchè tanto comunque traspare il loro stato di gerarchia alta nel gruppo e non potrebbero comunque fare i finti tonti, un po’ perchè ci tengono ad essere accolti.

Il migliore è Darryl che si aggira per il salotto buono senza dire niente con in mano un opossum morto.

https://youtu.be/FxORulyOXs8

La Governoressa si chiama Deanna, che a me rovina un po’ tutto il pathos e l’aramis perchè mi scatta in testa il refrain di Nick Cave e parto a cantare. Sembra una tipa abbastanza a posto, certo, per essere una che era una politicante che stava al Senato, ricca sfondata e pure fascista. MAH. Comunque sembra abbastanza intelligente da capire che il suo bel posto al sole necessita di protezione, guerrieri, soldati, e dosi di realtà massiccia. I suoi miliziani sono dei bamboccioni che non hanno mai trascorso là fuori più di un paio di ore per volta, e si vede.

L’altra cosa che fa la Governoressa è assegnare compiti e lavori, d’altra parte si deve pur inventare qualche cosa oltre a fare filmini amatoriali. Lascia poi cadere lì per lì che il mese prima hanno dovuto cacciare quattro persone, perchè “non funzionava”. Essecondo me io sti quattro pirloni non me li scorderei mica così facilmente.

A Rick e Michonne assegna poi il compito di Polizia, e Rick riappare docciato, con un’incredibile faccia da burba che ci eravamo scordati da mo’, tutto bello ripulito e sbarbatello, si fa pure fare un taglio di capelli dalla biondona della porta accanto. Che fa sculture nel pomeriggio, perchè l’estetista è un mestiere che non tira più nella suburbia annoiata, mi sa. MAH, e due.

Bella scena di Coooorl che viene invitato da alcuni ragazzini coetanei a giocare ai videogiochi, e all’inizio è così sopraffatto dall’emozione di quello che è il mondo (e la sua giovinezza) perduto, da non riuscire a parlare. C’è anche una ragazzina con loro, anche lei venuta “da fuori” da poco. Coooorl avverte miasmi di ostilità emanare dalla ragazzina nei propri confronti, e si chiede un po’ il perchè. Non po’ essere, mi dico, che venga da qualche gruppo ucciso dai nostri ciccibbelli? Governor, Cannibals? mboh.

Il figlio della governoressa è un fascistello con la faccia da cazzo, a capo della milizia dei giovani balilla. Se la tirella perchè ha tutto un  programma in testa di esercitazioni e marce che ovviamente non servono a un cazzo nel mondo reale ma all’inizio nessuno dei nostri ha cuore di dire qualcosa per non andare subito a litigare. Peccato che il Balilla c’abbia manie di grandezza di grande condottiero, incluso il mandare a morire i propri uomini per un principio, e Glennino gli deve spiattellare in faccia qualche verità, insieme a due sberlazze. Scena supergore dello zombie che li attacca e si squama lasciando pezzi di pellame per ogni dove.

Lo Sceriffo fa un giro fuori cercando la pistola che aveva lasciato nascosta in una casupola prima di entrare in Alessandria, ma non la trova: chi l’ha presa? alessandrini o altri?

Non so bene dove si andrà a parare. Non penso che ci sia necessariamente un segreto piano malefico della Governoressa, anche se non è detto (è vero che fa  i filmini e se li rivede, e questo potrebbe benissimo essere un mezzo per studiare bene il nemico); penso che qualcuno prima o poi attaccherà, o da fuori (i 4 cacciati più loro ammisci), oppure da dentro. Forse il gruppo di Rick stesso, che non vede sè stesso soccombere troppo alla vita smollacciata; tanti esprimono questo timore nell’episodio, non dobbiamo diventare deboli e distratti, non dobbiamo sederci sugli allori, dicono.

Ma Rick un po’ lo sa, quello che loro hanno avuto in questi anni è un addestramento che è oramai ingranato, non lo perdi per qualche mese di rilassatezza. Pure il tizio con l’opossum morto, dentro di sè lo sa.

ahahah

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...